22 nov

WEB DOLCE WEB

Correre in ufficio, scrivere al pc, girovagare per la rete, occuparsi di bipede e quadrupede… fa venire fame! E, ogni tanto, è giusto dedicarsi qualche piccolo lusso goloso: d’altra parte, è proprio per questo che sono stati inventati i dolci.

Grazie ad Emidio, ho fatto una scoperta entusiasmante: grazie a Internet, è possibile farsi recapitare a casa nientepopodimeno che una vera Sachertorte originale. Fatevi un giro su Demel, oppure su Hotel Sacher. La delizia viennese, interamente glassata di cioccolato, vi arriverà a casa poco più di ventiquattrore dopo essere uscita dal forno. Così, non vi farete cogliere impreparati da Nanni Moretti e dai suoi adepti, e, soprattutto, potrete crogiolarvi nella bontà del cioccolato, senza dover volare fino a Vienna!

Nel malaugurato caso in cui, a qualcuno di voi, non dovesse piacere la Sachertorte, niente paura: la Rete offre possibilità per tutti i gusti del mondo.

Continua a leggere…

15 nov

ACQUISTI ONLINE… E LE TASSE DOGANALI?

Sempre spulciando tra le vostre mail, vedo che molti di voi mi chiedono qualche informazione sulle tasse doganali legate ai prodotti acquistati all’estero. Ebbene sì: quando si acquista online merce proveniente da un paese extracomunitario bisogna mettere in conto, oltre alle spese di spedizione (che dovrebbero sempre essere riportate sul sito su cui si effettua l’acquisto) anche le tasse di sdoganamento. Di contro, sulle merci acquistate in paesi appartenenti alla Comunità Europea non dovrebbero più esserci questi dazi da pagare, a parte la canonica IVA, che però a volte è già compresa nelle spese di spedizione.

Come funzionano queste tasse di dogana? E come si pagano?

Continua a leggere…

11 nov

L’ECOMMERCE E GLI STIVALI DELLE SETTE LEGHE

Come si dice per i concerti, il convegno di oggi sul commercio elettronico in Italia al Politecnico di Milano era “sold out”. Sala piena per  “L’eCommerce B2c in Italia: riprende la crescita!” organizzato dall’Osservatorio eCommerce B2c School of Management del Politecnico di Milano con in collaborazione di Netcomm – Consorzio del Commercio Elettroncio Italiano. Ho incontrato quell’uomo geniale di Andrea Rangone (vedi dichiarazione d’amore precedente), responsabile Oservatori ICT & Management del Politecnico, il mio maestro Roberto Liscia, presidente di Netcomm e tantissimi protagonisti della rivoluzione tecnologica che…verrà! Perché i dati sono confortanti. Ecco alcune cifre: dopo la “frenata” fatta registrare nel 2009, le vendite online nel 2010 fanno un salto in avanti del 14%, raggiungendo i 6,5 miliardi di euro e superando la soglia dell’1% sul totale vendite retail. Aumentano sia le vendite di servizi (+15%) che di prodotti (+13%). Gli acquirenti online crescono di un milione di unità in un anno diventando circa 8 milioni. L’incremento previsto nel 2010 per il mercato italiano è infatti circa doppio rispetto a quello inglese e statunitense (+8%), superiore a quello tedesco (+12%) e in linea con quello francese (+15%). Il nostro mercato cresce e diventa attrattivo anche per importanti player stranieri, tanto che, dai rumor raccolti intervistando gli operatori italiani, parrebbe imminente l’ingresso di Amazon.

09 nov

QUANTO COSTA LA SPESA ONLINE?

Ormai sono mesi che faccio la spesa online e non metto piede in un supermercato. Riempire il carrello con un click mi ha lasciato, finora, soddisfattissima: il sistema è semplice, veloce, si risparmiano code e tempo, e le borse pienissime mi vengono consegnate direttamente a casa quando voglio io.

Alcuni di voi, però, mi hanno segnalato delle differenze di prezzo tra i prodotti acquistati online e quelli comprati direttamente al supermercato. Teoricamente, i prezzi dovrebbero rimanere invariati, dal momento che, per farsi consegnare la spesa a casa, si paga già un sovraprezzo di circa 8 euro; inoltre, è necessario che la spesa online consista in un ordine minimo di 40 euro.

Così, oggi, facendomi aiutare da Alice alias Naima, ho deciso di fare un piccolo esperimento: prima ho fatto la mia solita spesa online su Esselunga.it, segnandomi uno per uno i prodotti acquistati; dopodichè, ho mandato Alice allo stesso supermercato ad acquistare i medesimi prodotti. Com’è andata?

Continua a leggere…

05 nov

TROVATO IL CATERING ONLINE!

Tutto è pronto per la presentazione di domani del mio Piccolo libro verde della salute. Sarò domani, sabato 6 novembre, dalle ore 17.00 al Supermercato Superpolo di Largo La Foppa, 1, a Milano. Alle 18.30 ci sarà un brindisi con un piccolo aperitivo… e, proprio per questo, avevo bisogno di trovare un catering online, ricordate?

Ebbene, ce l’ho fatta! Potremo goderci una pioggia di gustosissimi e deliziosi tramezzini da Tramezzino.it, pagati online grazie alla sempre utile piattaforma Bacchette&Forchette. Per brindare, invece, avremo le bibite offerte da Bionade: una bevanda analcolica, biologica e ipocalorica, dai gusti particolarissimi, già distribuita all’estero e che, finalmente, arriva anche in Italia.

Dunque… ci vediamo lì? Non potete mancare!

Continua a leggere…

04 nov

COMPRARE ONLINE… LA LAVATRICE!

Sono molto felice quando qualcuno di voi mi scrive per raccontarmi le proprie esperienze di e-commerce: mi fa sentire molto meno sola!

Tra le tante email, ecco quella di Mario, che ci narra la sua decisione di acquistare online… una lavatrice nuova!

“Ciao Francesca, volevo raccontarti una storiella iniziata quest’estate. Appena tornati dalle vacanze la mia dolce campagna carica la prima tornata di vestiti sporchi nella lavatrice ma, dopo pochi minuti, tutte le luci iniziano a lampeggiare inesorabilmente e la lavatrice non va. Corro subito in suo aiuto e, fingendo una cera esperienza, la tiro fuori, smonto i vari tubi, ci soffio dentro e riprovo ma nulla! [...] La la reazione della mia compagna è tutto eccetto che dolce: basta, compriamo una lavatrice nuova, è la decisione che prendiamo insieme.

Continua a leggere…

02 nov

LA RIVINCITA DEI NERD

Oggi ho scoperto un sito americano divertentissimo, Thinkgeek.com. I nerd ti tutto il mondo lo conosceranno già da tempo, ma per me è stata una vera scoperta!

Vi ricordate com’erano i nerd negli anni Ottanta, o Novanta? Quegli esseri strani che popolavano i film e i telefilm liceali d’oltreoceano, altissimi e magrissimi, oppure tozzi e grassissimi, invariabilmente dotati di occhialoni giganti e brufoli, e totalmente incapaci di instaurare una qualche relazione sociale? Il nerd (o geek, termine più o meno sinonimo) era lo sfigato secchione, genio di quell’oggetto all’epoca misterioso che era il computer: viveva confinato dentro stanze buie,  a digitare sui tasti e a mangiare schifezze e, se per caso usciva per andare a scuola, veniva preso in giro dalle cheerleader e picchiato dal quarterback. Quanto sono cambiate le cose, in questi anni Duemila! Il pc è entrato nelle nostre case, nelle nostre vite, e saperci fare con l’informatica non è più una questione di nerdaggine, quanto di sopravvivenza. E, intanto, i nerd hanno preso il potere: pensate a Bill Gates, a Steve Jobs, a Linus Torvald (creatore del sistema operativo open source Linux), e perfino a Barack Obama!

Continua a leggere…

29 ott

CON LE ALI SOTTO I PIEDI E IL BOLLO ONLINE

Ho sempre avuto l’idiosincrasia dei moduli da compilare e per me è uno sforzo incredibile avere a che fare con la burocrazia e le scartoffie in tutte le loro accezioni. Questo progetto, sotto questo punto di vista, mi sta davvero aiutando a fare un passo in avanti nell’evoluzione della specie… però sono sempre un disastro quando mi arrivano dei documenti e delle richieste di pagamento, comunque! Così sono entrata in panico con la lettera della Regione Lombardia per la richiesta di pagamento del bollo dello scooter. Grazie alla tecnologia ci sono un mucchio di modi per pagare, dal bollettino al tabacchino, dalla banca al Web. Quindi sono andata sul sito dell’Aci…ma non ci ho capito niente sulle date da inserire. Così ho chiesto aiuto con una mail, certa che, nel nostro ridente Paese, nessuno ti risponde davvero. E INVECE NO! Una persona molto gentile mi ha inviato la schermata tutta compilata delle cose che dovevo inserire: eccola qua!

E così, bollo pagato con Bollonet ed io sono molto sollevata di aver superato queste mie resistenze interne! La prossima sono le rate condominiali…accidenti, non si finisce mai!