05 lug

PETIZIONI ONLINE PER LA DIFESA DEL MIO QUARTIERE

Sto organizzando una petizione di quartiere per spostare il Sert della zona altrove. Trovo diseducativo e pericoloso che convivano due realtà così diverse come gente in fase di recupero sdraiata sulle panchine in stati di semi inconscienza e bambini dagli zero ai cinque anni che giocano là accanto. Su quel parco si affacciano tre asili, ma anche il Sert e un centro per disagi psichici. Proprio stamattina mi hanno fermato due operatori ecologici sempre nei paraggi: gli piacevano i miei occhiali a cuore! Poi però il discorso è caduto sull’accampamento improvvisato in mezzo al parco e alle altalene: “Continuiamo a raccogliere schegge di vetro di bottiglie dentro le aree giochi e anche alcune siringhe…e poi dicono che noi qui non puliamo…”. Che discorso strano qui, sulle pagine linde e virtuali di Francescaonline! Vedendo certi spettacoli, con accanto un’infanzia che dovremmo proteggere mi viene davvero la voglia di vivere solo sul Web! Dato che non ne possiamo più, ho deciso di raccogliere le firme da presentare poi in Comune. Avevo già parlato di petizioni online parlando del mio attore preferito, Edward Norton, impegnatissimo su temi a me cari come ambiente ed animali (e non solo) che ha creato un sito per organizzare la propria campagna. Oggi sono andata a cercarmi un modulo prestampato per organizzare la raccolta firme e l’ho trovato qui. Lo so, questa storia farà discutere con la solita tiritera di aiutare gli ultimi e non spostarli sempre da un’altra parte. Io agisco da cittadina che vorrebbe crescere il suo bambino senza timori e libera di vivere la propria città in serenità (sindaco se ci sei batti un colpo!). Buona petizione a tutti

15 nov

ACQUISTI ONLINE… E LE TASSE DOGANALI?

Sempre spulciando tra le vostre mail, vedo che molti di voi mi chiedono qualche informazione sulle tasse doganali legate ai prodotti acquistati all’estero. Ebbene sì: quando si acquista online merce proveniente da un paese extracomunitario bisogna mettere in conto, oltre alle spese di spedizione (che dovrebbero sempre essere riportate sul sito su cui si effettua l’acquisto) anche le tasse di sdoganamento. Di contro, sulle merci acquistate in paesi appartenenti alla Comunità Europea non dovrebbero più esserci questi dazi da pagare, a parte la canonica IVA, che però a volte è già compresa nelle spese di spedizione.

Come funzionano queste tasse di dogana? E come si pagano?

Continua a leggere…

29 ott

CON LE ALI SOTTO I PIEDI E IL BOLLO ONLINE

Ho sempre avuto l’idiosincrasia dei moduli da compilare e per me è uno sforzo incredibile avere a che fare con la burocrazia e le scartoffie in tutte le loro accezioni. Questo progetto, sotto questo punto di vista, mi sta davvero aiutando a fare un passo in avanti nell’evoluzione della specie… però sono sempre un disastro quando mi arrivano dei documenti e delle richieste di pagamento, comunque! Così sono entrata in panico con la lettera della Regione Lombardia per la richiesta di pagamento del bollo dello scooter. Grazie alla tecnologia ci sono un mucchio di modi per pagare, dal bollettino al tabacchino, dalla banca al Web. Quindi sono andata sul sito dell’Aci…ma non ci ho capito niente sulle date da inserire. Così ho chiesto aiuto con una mail, certa che, nel nostro ridente Paese, nessuno ti risponde davvero. E INVECE NO! Una persona molto gentile mi ha inviato la schermata tutta compilata delle cose che dovevo inserire: eccola qua!

E così, bollo pagato con Bollonet ed io sono molto sollevata di aver superato queste mie resistenze interne! La prossima sono le rate condominiali…accidenti, non si finisce mai!