08 lug

CONSUMATORI ON E OFF LINE PIU’ PROTETTI IN TUTTA EUROPA

Consumatori europei protetti

Consumatori online unitevi! Dalle tariffe telefoniche ad hoc dal primo luglio dalla nuova direttiva per gli acquisti online, l’Unione europea si sta sempre più organizzando per realizzare il “Continente connesso”. A Roma il Commissario Mimica, accompagnato dal Presidente dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, Giovanni Pitruzzella e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Simona Vicari, ha avviato la campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sui diritti dei consumatori in Europa e sulle novità contenute nella direttiva. E’ stato inoltre presentato oggi lo spot in onda sui canali Rai che illustra le tutele previste dalla nuova normativa.  La nuova direttiva presentata potenzia ovunque i diritti dei consumatori, per qualunque acquisto essi facciano, sia online sia in un negozio. Anche le imprese potranno beneficiare di queste nuove norme, che creano condizioni di parità e rendono meno oneroso offrire prodotti e servizi in un contesto transfrontaliero.

Tra le novità principali introdotte dalla nuova normativa UE, presentata oggi, a tutela dei consumatori ricordiamo:

- maggiore trasparenza dei prezzi

- eliminazione delle sovrattasse ingiustificate (per l’uso di carte di credito e di servizi di assistenza telefonica)

- prolungamento del periodo di ripensamento, da 7 a 14 giorni, in tutto il  territorio dell’Unione

- diritti di rimborso più solidi

- norme che vietano le trappole online

Una maggiore armonizzazione dei diversi aspetti delle differenti normative nazionali, dunque, che garantisce al consumatore gli stessi diritti in tutta l’UE e, contemporaneamente, semplifica le normative per le aziende, che disporranno d’ora in poi di maggiori incentivi per espandere le loro attività a livello trasfrontaliero.

14 mag

BACCHETTE & FORCHETTE SI FANNO IN 5

E’ la piattaforma Delivery Food che più mi è venuta in soccorso durante il mio pazzo pazzo esperimento. Era suo il pranzo take away durante le riprese della trasmissione de LA7, sue le cenette con gli amici all’ultimo momento. Ora Bacchette & Forchette si fa in 5.  La fame – e chi lo sa meglio di me? – non ha orario. Tutti noi abbiamo saltato un pasto, magari sul lavoro oppure perché semplicemente non ci è stato il tempo…a volte  ci viene semplicemente fame quando non si dovrebbe…
Su B&F ci sono 5 fasce orarie dove pescare pranzetti, cene e spuntini…anche alle 3 del mattino. …e fino al 31 maggio si può ordinare con consegna nella fascia mattinofascia pomeriggiofascia notturna con il 10% di sconto. Che dire?

25 lug

ORTO E GUSTO: LA SPESA BIO SOTTO CASA E ONLINE

Lei si chiama Michaela ed è entrata in punta di piedi nel nostro quartiere (l’unico modo per approcciarsi alla nostra strana tribù di Conca del Naviglio, d’altronde). Ha aperto una bottega ad una luce piena di colori e molto semplice ed in questi mesi caldi, prima di tirare completamente su la saracinesca, mette una ciotola d’acqua per i cani di passaggio sul marciapiede. Scopre che La BIO-spesa di ORTO e GUSTO nasce da un sito Internet: prima ha iniziato online, e poi, visto il successo, ha deciso di aprire anche un posto fisico, dando la possibilità ai suoi clienti, quando vogliono e possono, di passare di lì. Il sito, nato inizialmente per vendere frutta e verdura dell’orto di sua suocera, ma soprattutto prodotti tipici siciliani,  si è poi convertito del tutto al BIO: www.ortoegusto.it. La spesa si fa tutta sul Web, compreso il pagamento (con PayPal) e – grazie alla multicanalità che da sempre sostengo – negozio e sito si equilibrano, sostenendosi a vicenda: “In questi giorni che qui c’è poca gente, io continuo a lavorare grazie al sito”. Una bella idea, diciamolo.

22 giu

NECTAR: LA SCOPERTA DELLA RACCOLTA PUNTI ANCHE ONLINE

Le raccolte punti sono per me – almeno di solito – una chimera. La mia scarsa propensione a focalizzarmi su uno stesso luoghi fisico – e virtuale – dove fare acquisti, mi risulta difficile portare a casa un risultato utile. Di solito la raccolta scade ed io ho i punti a sufficienza per una salvietta da bagno o per un set da tre di posate…aggiungendo anche qualche euro. Troppe difficoltà con tempi di scadenza, regolamenti, esclusioni, ecc…Ho scoperto invece la carta punti Nectar (oltre 9 mlioni di clienti nel 2010) che dà la possibilità di far incetta di punti: vai a fare la spesa, il pieno, compri online un libro o un paio di scarpe ed ecco che il conteggio ingrassa. Qui accanto vedete anche l’App di Nectar per il Mobile. Eccomi poi a colloquio con Gerard Whelan managing director di Nectar Italia.

28 lug

LIVE IL PAGAMENTO CON PASSPAY AL PUGLIESE…A SORPRESA!

Grazie a Sebastian, che mi ha ruotato il video, ecco la ripresa molto live e poco glam del PassPay ieri a pranzo al pugliese.

28 lug

PIZZA CON PAYPASS SOTTO LA REDAZIONE


E hai voglia di andare a zonzo per la città per cercare PayPass! Dopo la trattoria pugliese ieri a pranzo, a mezzo chilometro da qui, oggi ho portato a pranzo qui sotto la sweet Monica ed oplà! Alla cassa PayPass…Più comodo di così? La pizza l’ho ordinata e me la sono portata qui, al decimo piano, per mangiarla mentre osservo la città che brilla al sole. Ci sono cose…

28 lug

AL SUPER CON LA CARTA DI CREDITO

“In un grande magazzino una volta al mese, spingere il carrello pieno sottobraccio a te…e parlar di surgelati, rincarati…”. Beh, il mio amore non era sotto braccio, ma nel carrello: con Filippo nel carrello, con il mio maglione, a ‘mo di cappotto, con la nonna Lory al seguito (Lady T.), abbiamo sfrecciato fra gli scaffali su e giù dai reparti. Alla fin fine il supermercato mi ha chiamato per una spesa che era necessaria. Pena: una serata a base di sottaceti stantii nel frigo e una scatoletta di fagioli. Il bello è riuscire anche là ad acchiapparsi due libri per l’estate, librovora come sono, non ho saputo resistere, si sa. Non è più come ai vecchi tempi, ovvero quando spendevi un occhio della testa ma il carrello era davvero stracolmo. Peccato. Oggi spendi molto, con uno scontrino lungo un chilometro, e il carrello, senza la tara di Fil, è mezzo vuoto. Per fortuna c’è la carta…

27 lug

MI E’ ANDATA BENE CON IL GELATO, NON CON LA SARTA!


Sembra davvero un paradosso, ma era più facile vivere di solo e-commerce che di carta di credito off line! E’ naturale, mi spiegava ieri un’amica: nel Web tutto funziona con i metodi di pagamento virtuale. E’ fra la gente, dentro le botteghe dei piccoli negozianti che questo non esiste, oppure dove c’è POSsibilità, magari viene messo un tetto minimo di pagamento (al bar qui accanto è 20 euro, nell’altro caffè diu qualche giorno fa era 10 euro). Mi è andata bene con il gelato (meno per la mia linea…ma ormai, quale linea? Quella del telefono?!), ma male dalla sarta.